Flan di radicchio con marmellata Epica Red

Flan di radicchio

Ingredienti

  • 300 g di tofu
  • 1 confezione di panna di soia
  • 1 ceppo di radicchio lungo
  • 3-4 cucchiai fecola di patate
  • 1 confezione di piselli
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiaini di marmellata EPICA RED
  • Sale q.b.
  • Olio EVO q.b.

Preparazione

Per il flan

Fate rosolare l’aglio in olio caldo poi aggiungete il radicchio, ben lavato e tagliato a pezzi piccoli e un pizzico di sale. Nel frattempo inserite il tofu sbiciolato grossolanamente con una forchetta nel frullatore, poi aggiungete il radicchio cotto, uno o due cucchiai di fecola setacciata, sale e un cucchiaino di marmellata EPICA RED e frullate fino ad ottenere una crema liscia.
Per dare sostanza e struttura al flan potete anche lasciare qualche pezzo di radicchio senza frullarlo.
Versate la crema negli stampi precedentemente oliati e lasciateli cuocere a 180 °C per circa 30 minuti.
In attesa della cottura dei flan, preparate la crema di piselli.

Per la crema di piselli

Fate ammorbidire i piselli in una padella con poco olio ed uno spicchio di aglio.
Una volta cotti frullateli con la panna, circa 100 ml, aggiustate di sale e pepe.

Una volta che tutto è pronto impiattate il flan caldo con la crema di piselli sul fondo e un cucchiaino di marmellata EPICA RED.

Consiglio: servirlo con qualcosa di fresco, come una bella insalata a cui magari aggiungete nocciole, pistacchi e mandorle.

The following two tabs change content below.

Francesco Basco

Vegano da 5 anni, chef e food photographer per passione. Ha collaborato con diversi ristoranti e con tantissime aziende fornendo la propria consulenza. Condivide la sua cucina con gli altri tramite il suo sito promuovendo il cibo sano, etico e consapevole. Attualmente gestisce il sito di ricette Veganblog.it ed è coordinatore commerciale della prima accademia di cucina vegana, dove tutto lo staff è composta da soli vegani, la VEGANOK Academy. La sua cucina è semplice e segue queste linee guida: a volte basta veramente poco per preparare qualcosa che sia delizioso per gli occhi, per lo spirito e per il palato. Cucinare vegano non vuol dire impazzire alla ricerca di alimenti dai nomi impronunciabili. È bello conoscere ingredienti nuovi, ma la cucina è, e deve rimanere, accessibile a tutti. Un vegano non mangia solo carote crude o intrugli difficilissimi da preparare. Farina, zucchero e olio ci sono in ogni dispensa, indipendentemente dalla scelta alimentare di chi ha fatto la spesa. Francesco si descrive così: “Osservo molto, non parlo tanto, ma quando inizio non mi fermo più. Ho sempre tanta voglia di fare e provare cose nuove, questo vale, in cucina e per tutte le cose della vita. Amo i particolari, la fotografia, il design, il nuoto, le passeggiate, mangiare, il colore blu, la sincerità, la musica, l’amicizia vera, un abbraccio, il sorriso, i colori, la cucina e la vita!”

Ultimi post di Francesco Basco (vedi tutti)